arrow
Storie

Suino nero dei Nebrodi: una scelta etica di qualità

La qualità è un obiettivo che non si raggiunge scendendo a compromessi. Richiede un approccio sincero, etico e consapevole, una visione chiara delle priorità e dei valori fondamentali. A Rocca delle Tre Contrade ogni scelta è guidata dalla volontà di offrire la massima qualità, anche se ciò a volte può richiedere alcune rinunce: per esempio, un minor numero di stanze per garantire il servizio migliore. La ricerca dei fornitori è basata sull’autenticità: dagli incontri, dagli assaggi, dalle esperienze nascono interesse e curiosità, dal feeling e dall’approccio condiviso nascono rapporti solidi che durano nel tempo.

Libertà, benessere e basso impatto ambientale per un allevamento virtuoso

Dopo aver scoperto i prosciutti di Franco Borrello a Milano, Jon ha capito di aver trovato il produttore che stava cercando. È nato subito un bel rapporto, basato sulla fiducia e la perfetta sintonia: Borrello ha riconosciuto in Jon e nei suoi collaboratori gli interlocutori giusti per la valorizzazione di prodotti di altissima qualità.
L’azienda agricola di Sinagra, ai piedi dei monti Nebrodi, è stata una delle prime a riprendere l’allevamento dei suini neri, in parte abbandonato negli anni Cinquanta e Sessanta, anche in seguito all’introduzione nel dopoguerra di razze estere più produttive ed economicamente favorevoli.
I suini neri dei Nebrodi sono animali robusti e resistenti, che Borrello alleva allo stato brado in un territorio di circa 100 ettari. D’estate, periodo in cui normalmente non hanno bisogno di cure particolari, si vedono solo i maiali nati da poco che sono sotto osservazione nei recinti più piccoli: gli altri pascolano liberamente tra i boschi, nutrendosi di ghiande e radici e solo quando è necessario, la loro alimentazione viene integrata con frutta, fave, mais e orzo.
Borrello dedica cura e attenzione ai suoi animali, che vivono en plein air e si riparano nelle cosiddette “zimme”, capanne a basso impatto ambientale che assicurano il benessere dei suini.

La carne buona che fa bene al corpo e al palato

Dora e Jon hanno scelto di proporre ai loro ospiti la carne del Suino nero dei Nebrodi per le sue caratteristiche nutrizionali, oltre che per il gusto e la resa qualitativa nella cottura e nella preparazione dei salumi: rispetto a quella dei suini chiari, infatti, la carne di questi maiali dal manto scuro ha un contenuto maggiore di colesterolo HDL (quello comunemente conosciuto come “colesterolo buono”), è ricca di ferro e ha una maggiore capacità di ritenzione idrica.
Morbida al taglio, dal colore rosso intenso e dal sapore selvatico che richiama gli aromi di nocciola, può essere utilizzata in tutte le sue parti per tantissime preparazioni.
Nel menù di Rocca delle Tre Contrade non mancano mai i prodotti di Borrello: dai salumi alle salsicce che Dora ama cucinare con arancia e Marsala, allo strutto usato per friggere e per preparare le cialde dei cannoli.

Un progetto guidato da valori autentici

Privilegiare etica e qualità è fondamentale per Dora e Jon: è così che sono riusciti a creare un ambiente in cui ogni elemento è valorizzato, curato nei minimi dettagli, reso perfetto nella sua autenticità. Nello stesso modo, i fornitori e i prodotti che hanno selezionato, rispondono a questi criteri irrinunciabili, che rendono la loro storia ancora più interessante.

 

Articoli correlati